Header Ads

ERADIUS "Eradius" (Recensione)


Full-length, (R)esisto Distribuzione
(2018)

Gli Eradius si presentano al pubblico col loro omonimo debut album. Il progetto veronese, ispirato dai Royal Blood, si presenta con una formazione di soli due elementi: Richard Dylan Ponte (voce/basso elettrico) e Edoardo Gomiero (batteria). Il duo propone uno stoner rock di base, o comunque questo è il genere che più si scorge dall'ascolto di queste dodici tracce, e sonorità e testi influenzati fortemente da gruppi storici ma anche da qualcosa di più moderno, nel senso che il sound ricorda le piacevoli sensazioni analogiche del passato, mentre il basso pulsante e la batteria molto potente e sfaccettata ci riportano in mente soprattutto l'alternative/crossover rock degli anni Novanta, con band di livello e significative come Helmet, Rage Against The Machine, Primus, Faith No More ecc.

Le frequenti improvvisazioni e i cambi di registro fanno pensare anche a una certa propensione quasi progressiva, ma il tutto poi rimane comunque confinato in un ottimo rock battagliero e assolutamente non banale, che parte dal passato ma che si proietta con intelligenza al futuro. 
Ogni pezzo ha qualcosa da dire, non scade mai nella banalità: l'iniziale "Alternative" strizza molto l'occhio ai Royal Blood, anche a livello di impostazione del cantato, ma già a partire da "Poison Eyes", la band dimostra che il gruppo che li ha influenzati forse per la maggiore è proprio quello, ma le tentazioni Nineties sono forti, e ogni nostalgico di un certo tipo di alternative/crossover di quegli anni potrà ritrovarsi a casa con questi ragazzi.

Altri pezzi come "Aliens", davvero imprevedibile ma allo stesso tempo melodica, o altre piccole gemme come "Democracy" o "Desert Painter", con quest'ultima che rimanda a certi Red Hot Chili Peppers di album come "Mother's Milk" e "Blood Sugar Sex Magik", sanciscono definitivamente la bontà di questo album, che presenta una band giovane ma molto preparata e dalle idee originali e vincenti. Bravi!

Recensione a cura di: Sergio Vinci "Kosmos Reversum"
Voto: 75/100

Tracklist:
1. Alternative
2. Poison Eyes
3. Aliens
4. Black Queen
5. Timmy C.
6. Democrazy
7. Medusa
8. Feel
9. Desert
10. Overthink
11. Raise And Resist
12. Digital Puppets

Nessun commento

Powered by Blogger.