Header Ads

DOMINANT "The Summoning" (Recensione)

EP, Lacerated Enemy Records
(2018)

Il duo dei Dominant viene dalla Norvegia, e si propone ad un pubblico decisamente tradizionalista. Perfettamente a metà strada tra la scuola statunitense e quella europea del genere, il loro death metal è solido e tetragono, sufficientemente legato al feeling ed alle atmosfere, ma non disdegna di certo di mostrare un po' di tecnica.

Nei cinque pezzi che compongono “The Summoning”, la parte del leone è giocata dai brani tetragoni e quadrati, fortificati da una tellurica doppia cassa; ma anche quando bisogna pigiare il piede sull'acceleratore, i risultati sono tutt'altro che confusi o disprezzabili. Nota di merito per la produzione, abrasiva e potente ma perfettamente intelligibile, davvero da manuale per un genere che non può essere lo-fi ma che perderebbe il proprio fascino in un contesto troppo perfettino. 

Ovviamente non si tratta di un lavoro che fa gridare al miracolo, perché i musicisti norvegesi non intendono in nessun modo essere innovativi, né sono poi così ricchi di personalità. Ma hanno il perfetto controllo della materia suonata, per cui, se siete dei fan sfegatati di quanto è brutale e d'impatto, potete tranquillamente dargli attenzione.

Recensione a cura di: Fulvio Ermete
Voto: 68/100

Tracklist:
1. The Purging Swarm 04:01
2. Servants of Damnation 03:59
3. Vultures of the Void 04:37
4. Feast of Woe 04:01
5. Vacant Soul Invasion 03:53
DURATA TOTALE: 20:31

Nessun commento

Powered by Blogger.