Header Ads

MAGOTH "Anti Terrestrial Black Metal" (Recensione)

Full-length, Independent
(2017)

Sono una di quelle persone che spesso preferisce non prendere rischi e che si attengono agli ottimi album rilasciati circa venti o venticinque anni fa, quando il Black Metal non era diffuso e una tendenza. Le band hanno principalmente suonato la musica che proveniva dal loro cuore, o probabilmente dalle profondità delle loro anime tormentate. Tra di esse vi erano già alcune eccellenti band tedesche, come i Nagelfar, il cui primo album era impressionante e originale, i Grabnebelfürsten, o più recentemente, Aaskereia o Pest con il loro tocco davvero scuro.

Nonostante la mia preferenza generale per le vecchie band e gli album, provo ogni tanto ad ascoltare qualcosa di nuovo. La rivoluzione tecnica ci permette di essere consapevoli di alcune delle uscite più oscure, e infatti mi sono imbattuto nel primo album dei Magoth attraverso Youtube, proprio come tante altre band che ho scoperto negli ultimi mesi. Tuttavia, ho dimenticato la maggior parte di queste band novizie abbastanza velocemente e ci sono altre che avrei voluto anche non aver mai ascoltato. A causa delle mie recenti esperienze, ho molto pregiudizio e persino scetticismo, ma quando ho premuto il pulsante play per ascoltare ciò che questa nuova band tedesca aveva da offrire è scomparso tutto.

Dopo solo un paio di secondi ero quasi pietrificato dall'intensa bellezza di questa gemma. Un fatto raro è stato che ho ascoltato l'intero album in una sola volta e un fatto unico è accaduto solo un paio di secondi più tardi quando mi sono reso realmente conto di trovarmi davanti ad un vero capolavoro. Questo vi dà un'idea di quanto mi piaccia questo album. Con la miriade di nuove band al giorno d'oggi è difficile trovare una nuova band ancora in grado di rilasciare un tale disco potente e melodico allo stesso tempo. Qui tutto è perfettamente miscelato godendo anche di un'atmosfera unica nonostante le influenze norvegesi e svedesi. La copertina stessa ti spinge già nel mondo oscuro e incantato dei Magoth. Gli sfondi innevati mi hanno ricordato immediatamente il quinto album di Immortal, mentre gli spettri incappucciati che vagano in montagna sono molto vicini a quelli del primo album dei Dark Funeral.

Attraverso tutta la lunghezza delle nove tracce questa miscela di influenze è presente, ma ciò che rende i Magoth differenti è il suono e l'atmosfera unici della band combinati ad una maturità impressionante. Le canzoni sono tutte gelide come i migliori album norvegesi, ma allo stesso tempo sono estremamente melodici e scuri come le migliori band svedesi. Se prestiamo più attenzione a questo album, è molto più vicino al Black Metal svedese che a quello norvegese. Le canzoni potrebbero essere abbastanza simili tra loro, ma la band è riuscita a farlo in modo che siano ancora abbastanza diverse per catturare l'attenzione dell'ascoltatore. 
L'atmosfera molto particolare e la qualità professionale del songwriting, uniti ad un ottimo suono per un rilascio a basso budget, sono tutti gli ingredienti per un capolavoro. Non esitate, probabilmente siamo di fronte a uno dei migliori dischi dell' anno (se non il migliore). Sarebbe un peccato non averlo.

Recensione a cura di: Benito Stavolone
Voto: 93/100

Tracklist:

1. Cleansing of the Ancient Spirits 06:49
2. Indoctrination War 04:30
3. Der Toten Gesang 06:22
4. Mental Fortress 05:00
5. Thorns 05:50
6. Sola Scriptura 04:10
7. Sheol 04:26
8. Requiem Deus 05:16
9. Cosmic Termination 06:55

DURATA TOTALE: 49:18

Nessun commento

Powered by Blogger.