Header Ads

Halestorm "The Strange Case Of..."

Full-length, Atlantic Records
(2012)

Raramente un disco mi ha lasciato entusiasta sin dal primo ascolto come  l’album di questa  band statunitense, che nessuno ha mai considerato,  finchè imbarcatasi in un lungo tour coi Disturbed, un sempre maggior  successo li ha letteralmente investiti: gli Halestorm, autori del disco che sto per recensire.
Musicalmente, ci troviamo di fronte ad un disco di rocciosissimo hard rock,  ispirato da mostri sacri come Guns n’ Roses  e soprattutto Skid Row,  ma con una grandissima marcia in più rispetto ad altre realtà emergenti grazie alla stupenda e grintosa  Lzzy Hale, dalla voce potentissima, in grado di dal un bel filo da torcere a molti suoi colleghi maschi.
I quindici brani che compongono The Strange Case of… sono formalmente privi di punti deboli, già dall’iniziale Love Bites (So Do I), è possibile sentire una cascata di riff di chitarra rocciosi e aggressivi, pur mantenendo un irresistibile appeal radiofonico,  emette una carica travolgente. 
Altro episodio degno di nota è senza alcun dubbio l’anthemica “I Miss The Misery”, dal refrain irresistibile e potentissimo, con una grande Lzzy Hale  sempre protagonista. La ragazza d’altro canto è tanto brava nei tratti più heavy quanto negli episodi sentimentali,  in cui mostra il suo lato più intimo ed emozionale,  come  nella ballad scelta come singolo “Beautiful With You” o in “Rock Show”, brano molto più raccolto e toccante.
Il platter continua poi con la trascinante “Daughters in Darkness”,  costruita a tavolino come inno da stadio da cantare a più non posso, ma comunque con un livello qualitativo molto alto.
Probabilmente l’unica nota stonata del disco è “American Boys”, canzone troppo commerciale, anche per una band come gli Halestorm, ma in un disco di quattordici potenziali hit un occhio lo possiamo anche chiudere. Chiude un ottimo album “Here to Us”,  un brano quasi country se paragonato ai brani citati precedentemente, pazienza, i rocker più versatili apprezzeranno l’originalità.
Finalmente un disco hard rock suonato con energia, passione e attitudine: per amanti di band come Alter Bridge, Skid Row, Bon Jovi e Guns’n Roses. Vi pare poco?

Recensore: Stefano Paparesta
Voto: 75/100

Tracklist:
01.Love Bites (So Do I)
02.Mz. Hyde
03.I Miss the Misery
04.Freak Like Me
05.Beautiful With You
06.In Your Room
07.Break In
08.Rock Show
09.Daughter of Darkness
10.You Call Me a Bitch Like It's a Bad Thing
11.American Boys
12.Here's to Us
Bonus Tracks:
13.Don't Know How to Stop
14.Private Parts (feat. James Michael)
15.Hate It When You See Me Cry
halestormrocks.com
https://www.facebook.com/halestormrocks




Nessun commento

Powered by Blogger.