Header Ads

Imago Mortis "Ars Obscura"


Full-length, Drakkar Productions, 2009
Genere: Black Metal


Da anni - ormai parecchi anni - gli Imago Mortis proseguono senza interruzioni lungo una via che ha preso le mosse dalle inevitabili radici scandinave, e hanno via via percorso un tradizionale e scarno sentiero black metal, arricchendo nel tempo il loro suono, maturando e crescendo, sempre fedeli al primevo impeto di norvegese memoria.
Già il precedente "Una foresta dimenticata" si era segnalato per ruvidezza e freddezza, per una coerente semplicità e per la scelta di non adeguarsi ai tanti effimeri trend che imperversano anche in ambito estremo.
Oggi, forti di un concept forse abusato ma su cui inevitabilmente ruota il loro genere (la morte), gli Imago Mortis hanno realizzato "Ars Obscura".
Questo è un disco in cui non troverete nessuno stravolgimento formale, ed un gran bene; se escludiamo i testi in italiano (che poi per il gruppo non costituiscono affatto una novità) tutto richiama alla tradizionale celebrazione del buio, della malinconia, della solitudine e della morte che - apparentemente- si può trovare in tanti altri album simili.

Invece, "Ars Obscura" spicca; la dedizione che si percepisce è sincera, non ci sono accenni o strizzate d'occhio agli intellettualismi che oggigiorno infestano il black metal, e, sopratutto, i brani sono ben fatti, capaci di comunicare il giusto mood grazie a tempi lunghi ma non prolissi.
In soldoni, un buon album, realizzato con passione da un gruppo che ha saputo mantenersi coerente negli anni; non un capolavoro che rivoluzionerà il black metal, certo, ma onestamente questa è l'ultima cosa di cui - alla luce di tante derive inascoltabili - si sente il bisogno

Recensione a cura di: Burning Stronghold
Voto 70/100


Tracklist:
1. Nox Perpetua
2. Summa Regina Mortorum
3. Ars Obscura
4. Cassa Mórta
5. Pestilentia
6. 1330

http://www.myspace.com/imagomortis94
http://imagomortis.net/

1 commento:

  1. A me qust'album piace veramente molto, non sacrificando la produzione ha cmq un feeling veramente pazzesco e arcano.

    RispondiElimina

Powered by Blogger.