Header Ads

Endless Pain (Intervista)




Oggi sono con noi i thrashers bresciani Endless Pain, freschi autori del buon ep "Course of Hate", recensito su questo stesso portale. Nelle parole di Stefano Zani (Guitar), facciamo il punto della situazione con una band da tenere sicuramente d'occhio!

1) Ciao ragazzi, benvenuti su Metal Of Death Webzine. Iniziamo col presentare la band per chi ancora non vi conoscesse?

Ciao ragazzi! E grazie mille per averci dato questa opportunita'. Siamo gli Endless Pain da Brescia, una band thrash/death attiva dal 2001. In questi anni abbiamo pubblicato due demo intitolati “The Cruel Way Of War” del 2002 e “Shotgun Carnage” del 2003, il primo album autoprodotto ha visto luce nel 2005 con il nome "Born In Violence". Nonostante una produzione nettamente old style la risposta del pubblico underground e' stata molto soddisfacente, quindi abbiamo iniziato a suonare in tutto il nord Italia e negli stati confinanti, infatti oltre ad esibizioni in club underground abbiamo partecipato a eventi di rilievo con gruppi di fama internazionale, tra cui il “Sun Valley 2003” a Trento, al “Titans Of Thrash” ’2003 e 2004 con i mitici Tankard, con i Destruction nell'unica data italiana del 2004. Sempre nel 2004 al “Tradate Iron Fest con Dismember e al mitico “Metal Camp” in Slovenia nel 2005 con headliner Slayer e Anthrax. Nel 2005 il cantante originario ha lasciato la band e il nuovo singer ha dato alla band il supporto di linee vocali ancora più potenti e aggressive.
Nel 2007 iniziano le registrazioni del nuovo lavoro , la produzione e' stata più professionale, e' stato prodotto presso i Satellite Studio di Bergamo (con Davide Perucchini, fonico e manager dei Verdena). Nel disco spicca la partecipazione in veste di ospite dell’ex In.Si.Dia Manuel Merigo. “De-Generation War” vede finalmente la luce nel 2008, sempre nella veste di album auto-prodotto.
nel 2009 l'ingresso di "Hate" in line-up ha fatto si che fosse un anno decisivo, caratterizzato da un'intensa attività live, coronata da un concerto a Innsbruck (dove abbiamo registrato un DVD) e dalla nostra partecipazione al "Milano Thrash fest", dove abbiamo suonato insieme ai grandi Sodom.
Durante l'estate siamo entrati in studio per la registrazione del nuovo album/ep presso i Phoenix Studios sotto la supervisione di Emilio Rossi. Il nuovo lavoro, intitolato "Course of Hate", è uscito nel Dicembre 2009. A febbraio di quest'anno il nostro storico batterista "Gigi" ha deciso di lasciare la band ed e' stato sostituito con Mattia Fusaro, con il quale siamo gia' “on the road” per supportare al meglio il nuovo lavoro.

2) L'anno scorso avete rilasciato l'ep "Course Of Hate", successore naturale del full-length del 2008 "De-Generation War". Quello che si nota è una continua ricerca e miglioria: quali sono state le basi della svolta sonora dopo il buon "Born In Violence" che è però (a parer mio), privo di quel quid che adesso c'è?

"Course Of Hate" ha veramente un buon tiro e secondo noi può competere con le produzioni internazionali. I miglioramenti sono stati dati da tutte le influenze che abbiamo ricevuto in questi anni confrontandoci on stage con molte band e ascoltando comunque prodotti sempre migliori e precisi.

3) Thrash duro e puro, divagazioni al limite col death è quello che "Course Of Hate" ci ha presentato. A cosa state lavorando adesso? Ci saranno innovazioni o virate nel sound?

Come dicevamo prima con il nostro nuovo batterista stiamo rispolverando vecchi pezzi che sicuramente lascieranno spiazzata molta gente, visto l'indurimento del sound e la precisione dell'esecuzione.

4) Chi si occupa della stesura dei pezzi e chi delle liriche?

I pezzi di "Course Of Hate", come gli altri lavori, sono nati principalmente da idee mie (Ste) e da Beppe, quindi dai 2 chitarristi, idee che comunque vengono poi rielaborate in sala prove con la complicita' del resto della band, mentre delle liriche dell’ep se n'è occupato il nostro singer Hate.

5) Siete attivi dai primi anni del Duemila. In questa decade com'è cambiata la scenta italica? Pregi, difetti del nostro “bel paese” metal?

Quello che fa più impressione è come l'Italia sta rimanendo indietro rispetto agli altri paesi europei in fatto di festival, basti pensare al Metalcamp o al Summer Breeze.Festival di un certo peso e organizzati veramente con i controcazzi. Per come la vediamo noi in Italia non manca la voglia, ma mancano appunto locali e collaborazione per tirare fuori qualcosa di decente che possa competere con quei mostri.

6) Il genere thrash è in un momento di splendore forse più per il numero delle band che si cimentano che per i reali "disconi" che poi vengono pubblicati, qual è il problema? Cosa sta standardizzando e ha di conseguenza reso commerciale il thrash nel suo movimento revivalistico?

Come dici tu, sarà veramente la passione per il genere o per la "moda" del momento? Le band con le palle sono quelle che si vedono sulla lunga distanza e non quelle che vengono superprodotte e lanciate sul mercato solo per vendere in questo o quel periodo per poi scomparire.

7) Avete rapporti d'amicizia con altre formazioni e quali vi sentireste di consigliare?

Se vai sul nostro myspace abbiamo piu o meno solo collegamenti a grandi gnocche e questo lo facciamo per non avere solo una cerchia di band o amici preferiti ahhahah!

8) Cos'è l'underground per voi? E cos'è adesso, ai vostri occhi, quello che viene definito tale?

L'underground è quel movimento che tutt'oggi si sbatte per cercare d'organizzare concerti, che investe tempo e denaro al di fuori del proprio lavoro per tirare avanti per passione una scena che a volte ti gira le spalle (capita pure questo ahhahah).

9) Che rapporto avete con i social network (Myspace, Facebook, Twitter ecc..)? E con la gente che vi segue tramite essi?

I social network sono la rivoluzione della comunicazione, il tutto si e' velocizzato in modo esponenziale, scambio di idee, scambio di date ecc...Io personalmente uso Facebook, con il quale ho trovato un buon supporto dal punto di vista delle vendite di merchandise e pubblicita' degli eventi.

10) Qual è il ricordo più bello che ha avete sinora legato a un live o un'esperienza condivisa on- stage che vorreste assolutamente ripetere?

L'ultima esperienza in terra italica che ricordiamo con orgoglio è sicuramente il concerto con i grandi Sodom, una serata perfetta sotto tutti i punti di vista (potete vedere su youtube un estratto di quella sera). Per quel che riguarda l'estero, ricordiamo con piacere il live a Innsbruck (Austria), dove abbiamo registrato il dvd allegato a "Course Of Hate".

11) Ringraziandovi per il tempo dedicatoci, a voi chiudere come meglio credete.

Siamo noi che dobbiamo ringraziarvi per lo spazio che ci avete dedicato. Invitiamo tutti a restare aggiornati sul nostro myspace (www.myspace.com/endlesspainband) o sulle pagine di facebook, perche' ci saranno sempre movimenti positivi per quel che riguarda i live.
Thrash til' death!!!!!!!

Intervista a cura di: Tomb

Per approfondimenti:

http://www.myspace.com/endlesspainband
http://www.endlesspain.it/

1 commento:

  1. Metal Marco 66617 marzo 2010 00:34

    Grandi Endless! Spaccate i culi gnariiiii! Fiero di vevere nella vostra città! THRAAASH!

    RispondiElimina

Powered by Blogger.