Header Ads

LAST SIBERIAN GHOST "Human Red Shift" (Recensione)


Full-length, Autoprodotto
(2019)

Giunge a noi con sorpresa questo progetto e debutto votato all'elettronica firmato da Danilo Petrelli, e diciamo da subito che ne siamo rimasti davvero colpiti. La capacità del musicista romano di tessere delle lunghe suite e di non annoiare affatto sono subito elementi di cui tenere conto, ed inoltre il Nostro dimostra di avere una capacità innata nello spaziare da parti simil-ambient, ad altre in cui si rasentano le ritmiche della techno, ed altre ancora in cui si toccano i territori della dark wave.

La varietà di soluzioni e la capacità di sperimentare sono le protagoniste di questi oltre cinquanta minuti di musica. Due episodi intitolati semplicemente "Human red shift Pt.1" e "Human red shift Pt.2", nei quali gli scenari si tingono quasi sempre di tinte scure, nonostante ci sia spesso il tentativo di avvicinarsi, per certi versi, ad una musica che sia sempre in via di evoluzione e richiami anche alcune pratiche meditative e contemplative. Il senso di tutto questo infatti, a parere di chi scrive, è di portare l'ascoltatore attraverso le trame di suoni che possano veicolare la mente e i sensi lontano dalla mondanità e dal frastuono di tutti i giorni, dalla routine, dal'essere comunque parte del mondo moderno. E sembra quasi un controsenso che tutto ciò avvenga attraverso una musica che di antico ha ben poco, e che appunto si articola attraverso sonorità moderne, per così dire.

Ne rimane in ogni caso un viaggio affascinante e da esplorare assolutamente, con alcuni momenti letteralmente da brivido, come ad esempio la parte finale del secondo episodio, in cui su un tappeto oscuro di tastiere si adagiano ritmi dance e dub, con dei bassi che rimbombano e sfociano in un finale sempre più cupo e introspettivo, con tanto di marcetta sul rullante a condire il tutto, come fosse il finale di un qualcosa di molto importante.
E' davvero un piacere in sintesi, ascoltare musica così fresca e coinvolgente, e se ci scappa anche il trip azzeccato, allora direi che si è fatto centro in pieno.

PS: Hanno partecipato all'opera: Roberto Cerrino (autore della copertina e parti vocali).
Partecipazione speakers di Radio Rock : Olimpia Camilli (Voce I brano), Tatiana Fabbrizio (Voce III brano), Sara Giacani (Voce IV brano), Giuliano Leone (Voce V, VIII, X brano) e Roberto Cerrino (Voce narrante II,IV,VII,X brano).

Recensione a cura di: Sergio Vinci "Kosmos Reversum"
Voto: 90/100

Tracklist:
1. Human red shift Pt.1
2. Human red shift Pt.2

LINKS:

Nessun commento

Powered by Blogger.