THE HORRORS E SHAME TRA I PROTAGONISTI DELLA XXII EDIZIONE DI YPSIGROCK FESTIVAL


THE HORRORS E SHAME TRA I PROTAGONISTI

DELLA XXII EDIZIONE DI YPSIGROCK

A tre anni di distanza dall’acclamato album del 2014 “Luminous”, i The Horrors hanno fatto ritorno sulla scena musicale con “V”, il loro quinto, per l’appunto, album in studio, pubblicato lo scorso 22 Settembre via Wolftone/Caroline International.

Il disco, prodotto da Paul Epworth - già noto per le sue importanti collaborazioni con artisti del calibro di FKA Twigs, Lorde, Rihanna, Adele, London Grammar, Florence and the Machine, Coldplay, U2 e Paul McCartney - è stato anticipato da “Machine”, un singolo dall'andamento ossessivo, dark e industrial che mostra la band pronta a tornare sulla scena con rinnovata energia.

“Weighed Down” e “Something To Remember Me By” sono gli altri due singoli estratti.

Ogni loro disco ha sempre rappresentato la tappa di un processo che li ha visti crescere in maniera incredibile. L'evoluzione del suono e la capacità di mutare rappresentano

più di ogni altra cosa la loro cifra stilistica.

THE HORRORS: www.thehorrors.co.uk | www.facebook.com/horrorsofficial |

www.instagram.com/thehorrors | twitter.com/horrorsofficial

Quintetto post-punk pungente di South London, gli Shame sono una delle migliori live band in circolazione. Dopo essersi conosciuti sui banchi di scuola, Charlie Steen e compagni si sono fatti le ossa nel pub Queens Head a Brixton (già base, in passato, dei The Fat White Family). Con sei singoli pubblicati in rete e una serie di partecipazioni a festival come Pitchfork Festival Paris 2016, SXSW 2017 e Glastonbury 2017, lo scorso 12 Gennaio hanno esordito con "Songs Of Praise" via Dead Ocean.

L’album, che raccoglie parte del materiale già pubblicato ("Gold Hole", "The Lick" e "Tasteless", ma non l’irriverente "Visa Vulture"), è stato anticipato da “One Rizla”, il primo singolo estratto.

Il brano, scritto da tutti i componenti della band, esprime già primi versi lo spirito sfrontato della band: “My nails ain't manicured, my voice ain't the best you've heard and you can choose to hate my words but do I give a fuck”. 
 

Nessun commento