Gli eroi dell'italogaze Stella Diana annunciano un nuovo album e svelano l'artwork

Gli eroi dello shoegaze italiano Stella Diana tornano con l'atteso successore di Nitocris (2016), che ha ispirato recensioni entusiastiche. Con cinque album all'attivo e quasi due decenni di esistenza, sono considerati una delle migliori band della "rinascita shoegaze", grazie al loro raffinato songwriting, alla sezione ritmica ipnotica e a maestose stratificazioni di chitarre. Sono riusciti a costruirsi una fanbase internazionale di tutto rispetto pur avendo cantato in italiano fino al 2015 e, mentre continuano ad esplorare nuove frontiere soniche, il loro stile rimane unico e riconoscibile.

Il nuovo album si chiamerà 57 ed è stato composto con la libertà più totale, senza pressione e senza schemi, alla ricerca di un suono onirico, delicato ed irreale. In coerenza con I loro forti principi DIY, 57 è stato registrato, prodotto e missato dal bassista Giacomo Salzano insieme a tutta la band, nel proprio studio di registrazione, per avere il controllo totale sulla propria musica. L'ossessione per la semplicità è presente nella grafica della copertina. Un numero rosso sangue su una tela nera, ma un numero che non è immediatamente chiaro, sembra quasi un segno, un graffito o qualcosa di antico.

Per ora non è dato sapere altro, ma la band napoletana ci ha abituato a titoli ricchi di rimandi esoterici e siamo sicuri che anche stavolta emergeranno significati suggestivi del numero 57.

Nessun commento