DIRE STRAITS LEGACY in tour

Dal 19 Gennaio, i DSL Dire Straits Legacy tornano in tour in Brasile con la nuova line-up che vede al basso il leggendario TREVOR HORN accanto a STEVE FERRONE, batteria, e si preparano a tornare in Italia nell’autunno 2018, con una serie di concerti che verrà comunicata a breve.

Trevor Horn, uno dei più rinomati produttori della sua generazione, è una vera leggenda dell’industria musicale. Dopo aver formato The Buggles e raggiunto i vertici delle classifiche con “Video Killed the Radio Star” nel 1979, Horn ha prodotto alcuni dei motivi più riconoscibili e indimenticabili di tutti i tempi, canzoni che identificano gli anni Ottanta come “Lexicon of Love” degli ABC, “Owner of a Lonely Heart” degli Yes, e le top hits di Frankie Goes to Hollywood “Relax”, “Two Tribes” e “The Power of Love. Trevor ha continuato a produrre hits per Tina Turner, Tom Jones, Marc Almond, Barry Manilow, Cher, Boyzone, 10cc, Bryan Ferry, John Legend, Lisa Stansfield, Robbie Williams, Grace Jones, Simple Minds e moltissimi altri.

I DSL Dire Straits Legacy sono nati dall’amore e la passione per la musica dei Dire Straits, rock band britannica formatasi nel 1977, con l’idea di portare la musica della celebre band a tutti gli appassionati che hanno atteso a lungo di poter riascoltare dal vivo certi brani storici. L’anno scorso, è arrivato il primo tour internazionale, organizzato da We4Show, che li ha visti esibirsi in Francia, Svizzera, Lussemburgo fino al Sudamerica, così, anche i fan brasiliani dei Dire Straits hanno potuto finalmente riascoltare dal vivo classici come Money for Nothing, So Far Away, Sultans of Swing, Walk of Life, e tante altre hit.

Il tour è stato un successo e, a grande richiesta, la band tornerà in Brasile dal 19 Gennaio 2018 per una nuova serie di concerti.

Le date confermate sono: 19/1 LAGUNA-SC – ROCK LAGUNA, 20/1 BIGUAÇU-SC – CENTREVENTOS PETRY, 21/1 21 BRASILIA – GINASIO NILSON NELSON, 25/1 SÃO PAULO-SP – ESPAÇO DAS AMERICAS, 26/01 SÃO CARLOS-SP -OASIS EVENTOS, 27/1 RIBEIRAO PRETO – RECRA

La line-up per questa tournée internazionale vede, quindi, i componenti storici: Alan Clark (tastiere, hammond e cori), Danny Cummings (percussioni e cori), Mel Collins (sax) e Phil Palmer (chitarre), insieme alla strepitosa sezione ritmica formata da: Trevor Horn (basso) e Steve Ferrone (batteria), e gli italiani: Marco Caviglia (voce e chitarra) e Primiano Dibiase (tastiere).

La band ha pubblicato di recente “3 Chord Trick”, un nuovo disco di brani originali marchiato “LEGACY” del quale proporranno alcuni brani nel nuovo tour che toccherà anche l’Italia.

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti: www.dslegacy.com

DIRE STRAITS LEGACY – Nel 2013, gli amici ed ex componenti dei Dire Straits, John Illsley, Phil Palmer, Alan Clark, Mel Collins, Jack Sonni, Danny Cummings, Pick Withers e Chris White decidono di incontrarsi per realizzare il sogno di dare forma a questo progetto e si ritrovano dopo tanto tempo tutti insieme. Nel 2013 organizzano una riunione a Milano con l’agenzia We4Show – a new concept for the show (management della band in tutto il mondo), che decide di produrre e promuovere, con grande passione, questa musica di indiscussa qualità. Arriva così la prima tournée, con una formazione con Phil Palmer, Pick Withers, Danny Cummings, Jack Sonni, Mel Collins e i romani Marco Caviglia, Primiano Dibase e Maurizio Meo. Cinque concerti sold-out. Non molto tempo dopo, arriva un secondo tour, per il quale anche John Illsley e Steve Ferrone si aggiungono al gruppo. Una serie di nove date e un’esibizione all’evento finale del 97° Giro d’Italia, dove sono acclamati da oltre 20 mila persone. Nel corso degli ultimi anni ci sono stati vari cambi di formazione, fino a quella attuale formata da: Alan Clark (tastiere, hammond e cori), Phil Palmer (chitarre), Trevor Horn (basso) Danny Cummings (percussioni e cori), Mel Collins (sax), Steve Ferrone (batteria), Marco Caviglia (voce e chitarra), Primiano Dibiase (tastiere). L’attività live è stata intensa e nel corso del 2017 ha visto la band esibirsi in tutta Europa e Sudamerica.

Nessun commento