Header Ads

CANNABIS CORPSE "Left Hand Pass" (Recensione)

Full-length, Season Of Mist
(2017)
La parte più divertente dei Cannabis Corpse non è il loro nome, i loro titoli o le canzoni, né è l'incomparabile e sorprendente facilità di torsione dei classici del Metal in riferimenti all' erba (alla cannabis per l'appunto). No, la parte più divertente dei Cannabis Corpse non è il loro scetticismo, ma è il fatto che, di fronte a questo humour, ancora riescono ad essere una delle migliori band Death Metal attualmente in circolazione. Il loro ultimo album "Left Hand Pass" è un riferimento ad un album degli Entombed. Come la maggior parte dei loro riferimenti, è un album che ricalca le pietre miliari, i classici del genere, quindi non c'è spazio per errori di interpretazione.
I Cannabis Corpse vogliono che tu sia nella barzelletta, perché questi momenti di "dolcezza" sono stati fatti appositamente per gli appassionati di Death Metal. Tali riferimenti sarebbero deboli e inutili se fossero gestite da un' altra band di un altro genere. Devo ammettere che però apprezzo che durante gli anni, tali ironie siano diventate sempre più sottili. Come accennato in precedenza, i Cannabis Corpse non sono solo un' altra band, ma sono sorprendentemente eccellenti.

Per una band la cui sola esistenza proviene da un atto piuttosto "abitudinale", il suono dei Cannabis Corpse mostra un gran numero di pensieri laterali per quanto riguarda il Death Metal moderno. Il suono dei Cannabis Corpse è fresco e tonificante, migliore di altre band affermate nel panorama come Cannibal Corpse e Deicide (e talvolta i Morbid Angel). È un mix veloce e bizzarro di alcuni atti venerati, ma con una tinta croccante e pulita, ma senza essere troppo moderni o tecnici. La doppia voce e gli attacchi di tecnicità pratica improvvisa si prestano a ricordare i Cattle Decapitation e Revocation. Pertanto, riferimenti a parte, i Cannabis Corpse mirano a soddisfare esteticamente, portando ad una miscela sorprendentemente coesa e appetibile di vecchi e nuovi stili di Death Metal.

I Cannabis Corpse sono, a tutti gli effetti, meglio di quanto non pensino di essere, ma questo non importa alla fine. Tra i titoli più interessanti cito "The 420th Crusade", "In Battle There Is No Pot", "Grass Obliteration", l'assurda "Papyrus Containing the Spell to Protect Its Possessor Against Attacks from He who Is in the Bong Water" e la title track. Questo lavoro è intrigante e impressionante senza essere portentoso, come tutto ciò che la band ha creato sino ad ora, è un album per i fan del genere, nulla di eclatante; una potente e piacevole lettera d'amore al Death Metal. E anche alla cannabis immagino.
Recensione a cura di: Benito Stavolone
Voto: 67/100

Tracklist:

1. The 420th Crusade 04:28
2. In Dank Purity 02:57 
3. Final Exhalation 02:53
4. Chronic Breed 04:46
5. In Battle There Is No Pot 03:26
6. Grass Obliteration 03:20
7. Left Hand Pass 03:18
8. Effigy of the Forgetful 03:32
9. Papyrus Containing the Spell to Protect Its Possessor Against Attacks from He who Is in the Bong Water 04:27
10. The Fiends that come to Steal the Weed of the Deceased 03:49

DURATA TOTALE: 36:56

CANNABIS CORPSE - Facebook 

Nessun commento

Powered by Blogger.