ARCH ENEMY "Will To Power" (Recensione)

Full-length, Century Media Records
(2017) 

Ironicamente, gli Arch Enemy hanno scelto di non utilizzare le abilità di songwriting di Jeff Loomis nel loro decimo album, infatti è Michael Amott ad assumersi la responsabilità di tutto il lotto di "Will to Power", con un album che è pieno di potenzialità, arroganza e arricchenti melodie. Questi attributi da soli sottolineano il concetto fondamentale che gravita intorno alle canzoni: la Forza. Sorvolando il livello di talento che la band possiede e la produzione croccante presente in esso, questo album è semplicemente progettato per rendere l'ascoltatore trionfante, inarrestabile e rinvigorito.
Certo, in qualche modo ci riesce. Il tono scuro di Alissa e il modo in cui canta si abbina brillantemente alle chitarre nell'amara "First Day in Hell". Canzoni come "The Race" e "The Eagle Flies Alone" presentano anche un ritmo più veloce e motivato, accompagnato da battiti frenetici e brillanti, per migliorare l'atteggiamento potente che gli Arch Enemy hanno voluto presentare.

Molte delle tracce di questo album potrebbero essere state progettate per sembrare le più agitate possibile, tuttavia, hanno una tendenza fastidiosa a suonare esattamente uguali tra loro; questo è un problema che ha colpito la band nel passato decennio della loro carriera. Dotati di un nuovo e formidabile cantante e chitarrista, "Will to Power" mostra così tanto potenziale perduto dove gli Arch Enemy avrebbero potuto concentrarsi sulla rivitalizzazione del loro suono influente, ma invece viene bloccato con qualcosa di pulito e confortevole. Con uno strano edificato sbiadimento delle melodie della chitarra, "The World Is Yours" si blocca pericolosamente vicino ad un abisso che succhia qualsiasi forma di innovazione, lasciando solo i resti.

Tuttavia, questo album presenta una manciata di momenti in cui gli Arch Enemy segnalano l'intento di evolversi. "Reason to Believe" è l'esempio evidente in quanto mostra le abilità di Alissa nel pulito. Una sorta di progressione in questa band è rinfrescante da ascoltare, ma quando è collocata al centro della tracklist, sembra che gli Arch Enemy lo abbiano incluso solo come necessità; come se avessero la necessità di provare che hanno il potenziale di avanzare, ma solo in questa singola occasione. Alcune delle canzoni successive avrebbero potuto sottolineare questa evoluzione mostrando la voce affettuosa di Alissa nella loro imponenza, ma l'unica volta che tentano questa tecnica è nella canzone successiva "Murder Scene", dove la sua voce è inavvertitamente oscurata dalle chitarre.
Insieme alle più frequente inclusione orchestrale e alla pulizia della produzione dell'album, questo significativo sviluppo mette in dubbio la direzione che gli Arch Enemy sceglieranno in futuro. Nel complesso, "Will to Power" fa esattamente quello che è stato progettato per fare, ma si può facilmente riprodurre i due precedenti album per ascoltare brani simili per ottenere la stessa sensazione di potere. Per coloro che cercano di essere motivati, questo album è uno stimolante molto efficace, ma forse c'è anche di meglio anche in questo caso.
Recensione a cura di: Benito Stavolone
Voto: 56/100

Tracklist:
1. Set Flame to the Night 01:18 instrumental 
2. The Race 03:15 
3. Blood in the Water 03:55 
4. The World Is Yours 04:53 
5. The Eagle Flies Alone 04:59 
6. Reason to Believe 04:47 
7. Murder Scene 03:50 
8. First Day in Hell 04:48 
9. Saturnine 01:09 instrumental 
10. Dreams of Retribution 06:40 
11. My Shadow and I 04:05 
12. A Fight I Must Win 06:37
DURATA TOTALE: 50:16

ARCH ENEMY - Facebook

Nessun commento