Intervista: KILLER4

Alternative rock, grunge da Piacenza con gli ottimi esordienti Killer4, autori di un debutto sotto forma di ep omonimo davvero interessante. Dopo averli recensiti QUI, abbiamo fatto due chiacchiere virtuali con la band.
 
1) Ciao ragazzi e benvenuti sulla nostra zine. Vogliamo iniziare facendo una breve presentazione della vostra band con i punti salienti della vostra storia?

Siamo una band abbastanza giovane…Dopo un’estate di prove con un precedente batterista la formazione si completa alla fine del 2015 con l’inserimento di Dario e Russell che si aggiungono ad Alessio e Roberto. Alcuni brani erano già stati scritti e sono stati pertanto completati ed inseriti nell’ep uscito nel 2016 anno che ci ha visto anche firmare per Sliptrick Records ed iniziare un’attività live piuttosto nutrita con date oltre che in Italia anche in Lettonia  
 
2) Il vostro nuovo ep è l'omonimo "Killer4". Avete realizzato altro prima?

No, Killer4 ep è il nostro esordio omonimo uscito per Sliptrick Records a novembre 2016.
 
3) Parlando di fase compositiva, come nasce una canzone dei Killer4?  
Le modalità compositive sono essenzialmente due: in studio da un’improvvisazione estemporanea di chitarra o di basso che viene poi ampliata e riveduta e se soddisfacente registrata per poterci lavorare a casa ciascuno per la propria parte. Oppure può nascere da un’idea già pensata da qualcuno di noi che viene proposta e sviluppata in sala prove. 
 
4) So che per voi l'aspetto live ha molta importanza e quindi volevo chiedervi: come affrontate il palco? Insomma, cosa pensate di offrire agli spettatori ad un vostro concerto?
 
Si, confermo che suonare live per noi è importante. Pensiamo che sia la naturale evoluzione di un lavoro in studio che ha portato alla composizione ed alla registrazione di un disco che deve poi essere fatto “uscire” e proposto al pubblico. Il palco a volte può essere “complicato” magari per motivi sonori o di acustica o di approccio emotivo. Noi cerchiamo sempre di dare la giusta “botta” sonora all’ascoltatore perché l’impatto deve essere tosto… Abbiamo comunque molto da lavorare per migliorarci live soprattutto dal punto di visto scenico. E siccome è una parte estremamente importante di uno spettacolo (che come tale ha un aspetto sia acustico che visivo) vogliamo assolutamente dare la giusta immagine da rock band underground.

5) Ha un significato particolare la sigla "Killer4"?
 
Killer4 innanzitutto è un nome breve che rimane impresso meglio di un nome lungo. Nasce dal fatto che inizialmente eravamo un trio che voleva fare una musica tosta, una musica che uccide…(Killer trio). Successivamente siamo diventati quattro e quindi Killer4.

6) Quali sono state le vostre principali influenze musicali?
 
Direi che le band di area grunge sono quelle che ci hanno influenzato maggiormente pur avendo ciascuno il suo personale background che affonda le proprio radici tanto nel punk quanto nella wave e nell’hard-rock. Ci preme dire però che il sound dei Killer4 ha una sua personalità e peculiarità pur potendo essere accostato alle band del periodo di cui sopra ma senza scimmiottarne in alcun modo né i suoni né l’immagine.
 
7) Dove e come si sono svolte le registrazioni di "Killer4"?
 
Già all’inizio del 2016 avevamo 5 pezzi soddisfacenti ed abbiamo voluti fissarli su disco per cominciare a farci conoscere in giro ed a far girare una registrazione ufficiale il più possibile. L’ep è stato realizzato ai Dancetool Studio di Piacenza nella primavera del 2016. In tre sessioni abbiamo praticamente completato il disco. Il sound engineer del progetto è Ric Demarosi dei SØNDAG che ha fatto un ottimo lavoro dal punto di vista della produzione musicale mantenendo un suono piuttosto graffiante che è una delle nostre caratteristiche principali.
 

8) State già lavorando a nuova musica, e in che direzione vi muoverete in futuro?
 
E’ fondamentale che una band sia sempre in movimento dal punto di vista progettuale perché mantiene alta la tensione sia sugli standard compositivi che di live performance che ancora generali della band. Pertanto possiamo anticipare che stiamo lavorando a diversi brani nuovi che andranno a comporre un full-lenght che ipotizziamo in uscita per il 2017-2018. Dal punto di vista live invece dopo un periodo molto intenso durato circa un anno, probabilmente rallenteremo un poco durante l’estate del 2017 per concentrarci maggiormente sul disco, salvo poi riprendere con l’autunno.

9) Quali obiettivi vi siete prefissati di raggiungere con questa band e quali pensate di avere già raggiunto?
 
Abbiamo appena iniziato e la strada è parecchio lunga. L’inizio è stato intenso ma sicuramente tra gli obiettivi primari come già detto c’è un disco su lunga distanza previsto tra quest’anno e l’anno prossimo. Poi ovviamente lo proporremo live il più possibile sia in Italia che all’estero dove vogliamo organizzare un tour europeo per esteso che sarebbe per noi il primo su lunga distanza dopo la breve esperienza lettone del 2016.
 
10) Ok abbiamo finito, a voi le ultime parole per concludere l'intervista!
 
Invitiamo tutti ad ascoltare il disco in streaming su Soundcloud all’indirizzo https://soundcloud.com/killer4-819257599/sets/killer4-ep/s-x3Zne oppure sul nostro canale Youtube sul quale trovate anche il video ufficiale del nostro singolo “Run Away” (https://www.youtube.com/channel/UCw2wo8Hvkh15ah6tNTFzJow
E se vi piace potete avere la copia fisica in CD inviando un messaggio alla nostra pagina Facebook (www.facebook.com/killerfour) oppure un’e-mail all’indirizzo killer4four@gmail.com anche solo per esprimere il vostro parere.
Rock ON ! 
 


Intervista a cura di: Sergio Vinci "Kosmos Reversum"

Nessun commento