NEXT BULLET "Zero" (Recensione)

Full-length, KT Records
(2017)

Questa formazione prende vita da componenti di band quali Overblood e Awake The Secrets, già conosciute nel panorama del nord Italia. Ecco, quello che ci sparano in faccia i Next Bullet è un disco dove la potenza dell'hardcore made in New York di formazioni come Madball in primis, e Sick Of It All, si fonde con il groove metal e qualche accenno thrash. Possiamo quindi trovare altre similitudini con act come Walls of Jericho, Hatebreed ecc., volendo.
Fondamentalmente per me qusto disco rimane un buon esempio di hard-core duro e prepotente come quello delle formazioni che ho citato, ma sarebbe ingiusto e sbagliato non riconoscere che il metal molte volte prende il sopravvento, aggiungendo al sound dei Nostri dei connotati più "quadrati".

La voce di Marc1 è carta al vetriolo che si appoggia su un riffing sempre nervoso e teso ad opera di Paske (che tra l'altro si è occupato anche delle parti di basso in questo album). Ma a sostenere tutta questa irruenza vi è il drumming preciso e tecnico di Tom KT, un vero rullo compressore in grado di dare spinta e vivacità a dei brani che non offrono chissà quali spunti originali, ma che di certo non peccano in fatto di irruenza e attitudine "no compromise". Personalmente ho trovato la prima parte del disco molto buona; le varie "Next Bullet", "All I Have Earned", "Not Allow Them", "Antiparasitic" ecc., sono delle vere mazzate tra capo e collo, ma anche la seconda parte dell'album, pur non essendo vincente come la prima, offre degli episodi di rilievo, come la sparatissima "The New Hashtag", che da sola vale l'ascolto di questo album.
Ho trovato un po' più ridondanti e fini a se stesse quelle pochissime eccezioni in cui la band opta per un sound più propriamente "groovy", come in "Kill The Maniac Pedophile", che poi però si salva in un finale violentissimo. Bella la traccia conclusiva del disco, la prettamente hardcore song "Remember!", che fino a verso la sua metà è lanciata in corsa ma che poi verso la fine rallenta e diventa pesantissima.

In definitiva, questo album è per coloro che amano l'hardcore che si ibrida col metal moderno, quindi parliamo di vero metal-core, senza cori effeminati e cose che col genere non dovrebbero c'entrare nulla. C'è ancora qualche difettuccio da limare, come una produzione troppo pulita che a mio avviso ha in parte smorzato la carica di questi brani. In special modo la voce è troppo asciutta e priva di riverbero, e la batteria ha un suono troppo "perfettino". Detto questo, il resto è tutto come il genere impone, quindi complimenti ai Next Bullet.

Recensione a cura di: Sergio Vinci "Kosmos Reversum"
Voto: 70/100

Tracklist:

01. Next Bullet
02. All I Have Earned
03. Not Allow Them
04. Antiparasitic
05. Unrelenting Will
06. 2015: Mission Accomplished
07. Born On The Wrong Side
08. The New Hashtag
09. Kill The Maniac Pedophile
10.Remember!

PAGINA FACEBOOK

Nessun commento