ANTI-HERO "Snakes & Liars" (Recensione)

EP, Independent
(2016)

Arrivano da Lucca questi Anti Hero e lo fanno con questo primo ep autoprodotto intitolato "Snakes & Liars", un concentrato di sonorità crossover dove varie influenze, da nu metal al punk al metalcore trovano un punto d'incontro piuttosto convincente. Ma ripercorriamo brevemente la storia di questa band. "Gli Anti Hero nascono dalla necessita di proporre nuova musica inedita. Con alcune canzoni pronte e la conferma di un buon frontman e cantante pubblichiamo il nostro primo ep "Snakes&Liars" nel dicembre del 2016.
Un disco contenente 5 delle nostre tracce con sonorita' crossover/Nu Metal .
Attualmente stiamo programmano i concerti di primavera ed estate. Stiamo componendo per il nuovo disco provando sonorità nuove tentendi al post hardcore. Le nostre influenze musicali ci portano a ricercare sonorità come A day To Remember o Underoath".


Quindi quello che propongono in questi cinque brani è un buon assaggio di quello che in futuro potrà assumere connotati ancora un po' diversi, arricchendosi di nuove influenze. Per ora abbiamo di fronte una band compatta che ama giocare con la melodia, alternando voci in growl e ariosi ritornelli in clean, che si stampano subito in testa e che in effetti mi hanno ricordato almeno una delle formazioni che la band cita tra le proprie influenze, ovvero i Papa Roach. In generale potremmo definire la proposta dei Nostri come una sorta di alternative metal vagamente influenzato dal metal-core di ultima generazione. I componenti della band sono i seguenti: Shawn Hernandez -Voce, Cristian Ghitera -Voce e chitarra, Emanuel Cotosovitz -Voce e chitarra, Duccio Nieri -Basso, Alessio Magli -Batteria. Menzione particolare va alla sezione ritmica possente formata da Alessio Magli alla batteria e da Duccio Nieri al basso, che riesce a creare un bel muro sonoro, e a questo si aggiunge la potenza delle chitarre, che non si limitano solo a semplici riff in power-chord, ma riescono a lavorare anche bene in fase di arrangiamento con ottime intuizioni melodiche. In questo senso, la conclusiva "Snakes & Liars" è secondo me la canzone migliore e più completa del lotto, con quel bellissimo coro sul finale e le chitarre che si rivelano molto versatili sia quando devono essere graffianti e sia quando devono trasmettere emozionalità all'ascoltatore, col loro feeling malinconico.

L'unica cosa che non mi ha convinto appieno è la voce, a volte un po' incolore. Avrei preferito un approccio più convinto, e invece nelle voci pulite la timbrica risulta un po' monocorde, purtroppo, appiattendo un po' la potenzialità di brani costruiti davvero bene.
Nonostante questo, "Snakes & Liars" è un ep di debutto con molti pregi, che superano di gran lunga i piccoli difetti che sono normali per una band al debutto. Smussando qualche acerbità, siamo sicuri che questa band potrà ritagliarsi importanti spazi in futuro!

Recensione a cura di: Sergio Vinci "Kosmos Reversum"
Voto: 70/100

Tracklist:
1 I'm the Enemy 
2 Ronald Disgust
3 Saviour 
4 Back Home 
5 Snakes & Liars

Nessun commento