Header Ads

Corrosion Of Conformity "IX"

Full-length, Candlelight Records
(2014)

Niente è più frustrante del dover aspettare, con le mani in mano, i comodi altrui. Hanno fatto quindi benissimo i C.O.C. a fottersene di Pepper Keenan (troppo impegnato con i Down o con dio sa cos'altro) e a dare il microfono a Mike Dean per andare avanti. D'altro canto, avevano iniziato proprio loro e proprio così, agli inizi degli anni ottanta, quando ancora facevano hardcore e stavano diventando trai primi esponenti del crossover.

Ma ciò non significa che questo “IX”, nono disco in studio per la band sudista, sia un tuffo nel passato tout-court. Così come anche nel precedente album omonimo, la miscela sonora dei nuovi/vecchi C.O.C. é il risultato matematico della dipartita di Pepper Keenan: non avendo Mike Dean la stessa capacità vocale, la band ha spostato sensibilmente il proprio baricentro dalla melodia all'impatto sonoro, senza però dimenticarsi di essere oramai diventati una band essenzialmente southern. Per cui diverse sfuriate rabbiose inserite qua e là con grande maestria (“Denmark vesey”, “Tarquinius superbus”, The nectar”) ma il grosso dell'album è costituito dai pesantissimi riffoni blueseggianti e metallici, che spesso e volentieri si susseguono l'un l'altro in un caleidoscopio di tinte ombrose. 

Il tutto letto attraverso una lente deformante quasi punk, che conferisce ad ogni momento, anche il più lisergico, un nonsoché di malizioso ed irriverente. La perdita della seconda chitarra ha poi dato maggiore risalto al ruolo del basso, perfettamente reso da una produzione ottima, abrasiva e chiara allo stesso tempo. Come il precedente disco omonimo, ma meglio focalizzato: certo, i fasti di “In the arms of god” sono lontani in tutti i sensi, ma non c'è proprio di che lamentarsi.

Recensione di: Fulvio Ermete
Voto: 78/100

Tracklist: 
1. Brand New Sleep 05:54
2. Elphyn 04:58
3. Denmark Vesey 02:07
4. The Nectar 04:15
5. Interlude 00:56 instrumental
6. On Your Way 03:40
7. Trucker 05:30
8. The Hanged Man 04:18
9. Tarquinius Superbus 05:33
10. Who You Need to Blame 03:47
11. The Nectar Reprised 01:20

DURATA TOTALE: 42:18

Nessun commento

Powered by Blogger.