Sacrocurse "Unholier Master"

Full-length, Hells Headbangers Records
(2014)

Se sono sotto la Hells Headbangers Records e suonano Death/Black Metal, sai già automaticamente che non stiamo parlando di un gruppo dolce e delicato. I messicani Sacrocurse dopo un demo e uno split arrivano al primo full length, che condensa 10 schiette tracce in poco più di 33 minuti di un metal molto più death che black, paragonabile a bands come Bahimiron, Black Witchery e Diocletian, in altre parole quello che qualcuno chiama “War metal”, cioè una musica grezzissima, senza compromessi, che sacrifica quasi tutto rimpiazzandolo con la bestiale ferocia e l’impatto compositivo.
Per la verità i Sacrocurse (di cui curiosamente le iniziali delle canzoni formano la parola “Sacrocurse”) non sono completamente in questo stile: la qualità sonora non è volutamente del tutto confusa e no compromise, anche se comunque la batteria e la voce predominano, le canzoni non sono brevissime come quelle dei Black Witchery e la proposta sonora è un minimo (ho detto un minimo) distinguibile da brano a brano, con ad esempio “Sepulchral Desolation” diretta e aggressiva, ma bilanciata da “C.O.N.V.U.L.S.E.”, più tipicamente death metal e in stile primi Malevolent Creation, “Ripping death solution” con alcuni mid tempos death/thrash e dalla conclusiva “Oath for eternal damnation”, forse la più veloce del lotto e più black metal, con riffs tipo ultimi Arkhon Infaustus. Ne risulta un album che forse non è un miasma quasi inintelleggibile tipo Black Witchery, ma non è neanche un disco più tipicamente death metal e ragionato, il che non è necessariamente un male visto che gli amanti del war metal qui potranno trovare un album più flessibile rispetto all’imperterrito martellamento del genere, ma io personalmente, come unica nota negativa, avrei preferito dei suoni più sporchi. Per il resto, fatevi sotto: qui c’è pane per i vostri denti, ovvero un attacco malevolo molto omogeneo e compatto di 33 minuti di pura bestialità sonora, facile da descrivere stilisticamente e facile da gustare e ascoltare nonché ignorantissimo, proprio come si conviene a questo genere. Per me, forse essendo il disco di debutto, i Sacrocurse possono enfatizzare le loro caratteristiche musicali, ma anche così, se siete fan di questo genere musicale, con i Sacrocurse farete un buon acquisto.
 
Recensore: Snarl
Voto: 73/100
 
Tracklist:
1.Sepulchral Desolation 
2. Unholier Master 
3. Ripping Death Solution
4. C.O.N.V.U.L.S.E.
5. End of Mankind Universe   
6. Sulphur Blessing   
7. Rites of Perverted Idolatry
8. All Existence Perishes  
9. Command Demonic Prayers
10. Oath For Eternal Damnation
 

Nessun commento