Assaulter "Crushed by Raging Mosh"

EP. Self-released/EBM Records, 2011
Genere: Speed/Thrash Metal

E' decisamente interessante notare come il thrash metal nella nostra penisola abbia avuto negli ultimi dieci anni una crescità enorme rispetto a decenni fa. Oggi mi trovo a recensire una delle più interessanti realtà italiane che risponde al nome di Assaulter. Nascono nel sud Italia e precisamente a Taranto. La differenza tra gli Assaulter e il resto delle band thrash nostrane è principalmente caratterizzata dalle tematiche che il quartetto pugliese affronta.
Diversamente dalle altre band, trattano la loro proposta musicale con quella leggerezza che fece grandi band come i Tankard, i quali evitarono nella loro carriera di prendere troppo sul serio i problemi umanitari o i classici stilemi thrash. Questo non vuol dire che non ne parlarono, ma lo fecero in modo più goliardico, esattamente come fanno gli Assaulter.

I nostri cari amici pugliesi esordiscono nel mercato discografico con un ep di sei tracce, inizialmente in modo indipendente, ma di recente ristampato dalla Ebm records con una tracklist rimaneggiata.
Ascoltando l'opener/title track "Crushed By Raging Mosh" si capisce da subito che le cose sono serie e i quattro thrasher sguazzano allegramente nel genere che propongono come se fossero cresciuti a pane e thrash. La cosa che salta subito all'orecchio è la similitudine con due band d'oltreoceano che rispondono al nome di Fueled By Fire e Municipal Waste, il che non è assolutamente un male, anzi, somigliare a due delle band thrash odierne che adoro di più è quanto di meglio possa esserci.
La canzone si apre con un ottimo intro che lascia denotare una compattezza in ambito ritmico che si erge come un muro sonoro di grandissimo impatto ed effetto. Passato l'intro si entra nel vivo del pezzo e i nostri spingono sull'acceleratore guadagnando in grinta e sicurezza, offrendo uno dei pezzi thrash più incisivi degli ultimi anni. Anche sotto il profilo solista i nostri riescono ad attestarsi su altissimi livelli, riuscendo a mescolare la melodia dei soli con la ritmica del pezzo, il quale basterebbe per l'acquisto dell'ep in questione. La successiva "Hand Maniac" non tradisce le aspettative dell'ascoltatore e con il suo impatto sonoro sa ammaliare chi l'ascolta fino alla fine, passando per la prima metà del pezzo lanciata a folle velocità per poi rallentare a metà e riprendere la sua corsa verso la fine della canzone. Anche in questo pezzo la parte ritmica è ben consolidata e fa da ottimo sfondo alle parti soliste ben congeniate.

"Flag of Destruction" fa trionfante il suo ingresso a metà tracklist decisa a non schiacciare mai il freno neanche per un secondo, ottimo pezzo di introduzione per la vera perla dell'intero ep, ovvero "Thrash Assault". Una di quelle canzoni che se fosse stata scritta negli eighties sarebbe di diritto diventato un pezzo cult in pochissimo tempo, un ottimo esempio di thrash ottantiano riproposto egregiamente in chiave moderna ma non troppo. Sul finire dell'ep ci si imbatte in due ottimi pezzi, "The Flame of Pain", incentrata anch'essa sulla velocità (come tutto il disco d'altronde) e non stona in nessun frangente, e "Beer!!!", canzone che già dal titolo piace e nella sua breve durata (appena 1:48), racchiude tutto lo spirito thrash del gruppo.

In definitiva questo ep degli Assaulter convince in tutto e per tutto e lascia presupporre un ottimo futuro per questa band che si sa divertire e sa far divertire in un periodo storico alquanto triste. Speriamo solo di non dover aspettare troppo tempo per un full-length.
Consiglio a chiunque ami il thrash di accaparrarsi una copia di questo ep, perchè vale ogni canzone in esso contenuta. Cosa dire, lunga vita agli Assaulter.

Recensione di: Il Meggi
Voto 90/100


Tracklist:
1. Hand Maniac 01:41
2. Thrash Assault 01:41
3. Flag of Destruction 01:21
4. The Flame of Pain 00:59
5. Crushed by Raging Mosh 06:12
6. Beer!!! 01:48

DURATA TOTALE: 13:42

http://www.facebook.com/assaulter.thrash

2 commenti:

  1. Assaulter!!! Da ascoltare e da avere....bravi

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina