The Fat Dukes Of Fuck "Honey From The Lips Of An Angel"

Full-length, Self-released, 2012
Genere: Alternative Rock/Metal

L'essere folli, nerd e adoratori del sesso può essere utile? Se serve a fornire frecce al proprio arco artistico ben venga e a quanto pare i The Fat Dukes Of Fuck quelle tre "doti" non solo le possiedono, le sanno anche utilizzare e l'han fatto di sicuro per tirar fuori il loro album "Honey From The Lips Of An Angel".
Un monicker stravagante, la line-up composta da quattro personaggi che si celano dietro pseudonimi quali Ice Pube, Professor Horse Exhaust, The shit Wizard e Crib Death, come suonerà il disco? Meno "weird" di ciò che mi attendessi e decisamente divertente.

E' un alternative rock/metal, pensate a nomi come Mr. Bungle, Dog Fashion Disco, Clutch, Living Color, Suicidal Tendenciess e la caciaronaggine dei Beastie Boys e forse potrete farvi un'idea di ciò questi musicisti di Las Vegas propongono per fortuna non tendendo a essere troppo cervellotici, adorano la parte "fun" della musica e si sente. Non lasciano intendere nulla, vanno dritti allo scopo e titoli come "Sorry About Your Dick", "Oral Agenda" e l'ammiccante "Honey From The Lips Of An Angel" lasciano poco e niente all'immaginazione, calcano la mano divenendo anche volgari ma ci sta davvero bene, hanno quella goliardia e quella voglia di andare oltre il limite che è salutare sfruttare di tanto in tanto, non si può vivere in un cazzo di recinto.
Seppur sembrino dei bufali pronti a travolgere tutto i The Fat Dukes Of Fuck racchiudono le tracce in una forma canzone non così distante da quella classica, certo c'è sempre quella dovuta sconsideratezza, ci saranno stati probabilmente ettolitri d'alcol ad "aiutare" la creazione dei pezzi e un'atmosfera "cazzona" che t'invoglia a mollare le redini tanto quanto basta per un liberatorio godiamoci il momento.

Strumentalmente ci sono un paio di brani davvero interessanti: si vedano "Prelude To The Greatest Night Of Your Life" e "Cigarette" che si aggiungono a quelle già nominate e in più di una circostanza ho avuto l'impressione che il tipo di sound e la natura "ribelle" potrebbero essere perfette anche come colonne sonore da telefilm, prendete a esempio roba alla "Franklin And Bash" o "2 Broke Girls", sarebbe complicato individuare situazioni nel quale infilare episodi di tale tipo? Non credo, è proprio quella sensazione smaniosa di divertimento che ci sta alla grande.
La cover può essere definita o inguardabile, o adattissima tenendo conto di ciò che sono i The Fat Dukes Of Fuck, ma per comprendere il perché quella chiesa nel retro "s'infiammi" dovrete controllare l'interno del digipak.

Mettete da parte il grigiore, inserite nello stereo un po' di vivacità, semplicità e augurandovi che non vi siano troppi perbenisti in giro, sparate a palla "Honey From The Lips Of An Angel", la noia sloggerà volentieri dalla vostra stanza.

Recensore: Tomb
Voto 78/100


Tracklist:
1. The Mighty Bulge
2. Sorry About Your Dick
3. Oral Agenda
4. Prelude To The Greatest Night Of Your Life
5. Step Aside And Let That Fucker Dance
6. Cigarette
7. I Killed A Small Child
8. Let My People Grow
9. Honey From The Lips Of An Angel

DURATA TOTALE: 40:38

Nessun commento