Header Ads

Mortualia "Mortualia"

Full-length, Northern Sky/Moribund Records
Genere: Black Metal

Rilasciato nel 2007, l’omonimo debut album dei Mortualia rimasterizzato con l’aggiunta di una traccia, può essere considerato un lavoro più o meno innovativo se inquadrato nell’anno in cui fu rilasciato. Ma ai giorni nostri, dove dilaga il fenomeno modaiolo del “depressive black metal”, innovativo non lo è affatto. E per giunta, arriva all’ascoltatore come un lavoro un po’ noioso, al punto da premere “skip”sul lettore cd.

La prima traccia, “The blue Silence” dura addirittura oltre i 17 minuti, nei quali la batteria è di una monotonia ipnotizzante e, come è ovvio che sia in una canzone così lunga, anche i riff lo sono, benché alcune aperture verso una atmosfericità piacevole vi siano. Purtroppo le stesse considerazioni vanno fatte per le altre tracce. Si può parlare di una sorta di “depressive black metal”, ma di quelli che si traducono in una litania (pre-sbadiglio) nonostante, ripeto, la presenza di alcune buone idee. Mi è parso di sentire alcune voci in pulito, specie in “Devoid of Warmth”, ma se non è stata una mia allucinazione acustica esse sono state registrate eccessivamente basse, al punto da non essere proprio da considerare. L’ultima traccia, quella rilasciata quest’anno, non è diversa dalle altre. Il che mi fa pensare che i progressi sono ancora lontani. E in più, l’acustica è sgradevole e diversa (in peggio) dalle altre tracce.

In definitiva, vuoi per la lunghezza delle tracce, sia per i tempi di batteria (pensate al tempo di “Dunkelheit” di Burzum, che è quasi sempre simile ) statici e che stentano a decollare, vuoi per le vocals strozzate a metà strada tra il primo Burzum e i primi In The Woods, e vuoi per la monotonia dei riff, i Mortualia benché nati da una mente a mio avviso geniale come quella di Shatraug (Horna, Sargeist) lasciano un bel po’ a desiderare. L’idea di rimasterizzare l’album non fa dell’album stesso un capolavoro sottovalutato, ma un tentativo di riconsiderazione.
Recensione a cura di: VolturnjaVoto: 61/100

Tracklist:
1. The Blue Silence
2. In Bleak Loneliness
3. Cold And Grey
4. Devoid Of Warmth
5. Forgotten Soul
6. Death Serenity (bonus track)


1 commento:

  1. Volturnja vai in strada a battere che e' meglio forse qualcosa sai fare.

    RispondiElimina

Powered by Blogger.