Header Ads

Bodygrinder “Habemus Grind”



Full-length, Self-produced, 2011



Genere:
Grind Core/Death Metal






Questa band di Como mi ha spiazzato. Diciannove canzoni in
circa mezz’ora di musica non è impresa da poco, ma appena si inserisce il cd
nel lettore è chiaro tutto. Un grind core condito da death metal a sfondo
ironico-demenziale ci viene sbattuto in faccia come un treno che deraglia in
mezzo ad un allevamento di pecore.

Titoli come “Sfondandovi il cranio a colpi
di crick”, “Arabian Grind”, “Mi fa male la merda” (esilarante il sample
all’inizio! Ma ce ne sono sparsi amche altrove eheheh…) o “Sbullonatrice di
cazzi” fanno ben intendere le intenzioni dei Nostri, ovvero rovinarci i timpani
con pezzi sparati a mille, a volte intermezzati da inserti blues (di cui un
pezzo appunto ne riprende il termine intitolandosi semplicemente “Blues”), jazz
o altro ancora. La doppia voce in scream-growl crea una caciara degna del
peggior manicomio criminale infestato da demoni.





In “Habemus Grind” tutto è follia ma al tempo stesso tutto appare
avere un senso, perché sebbene il sarcasmo sia la chiave dell’attitudine dei
Nostri, bisogna scavare a fondo e rendersi conto di quanto quello che viene
trattato nei testi alla fine non è altro la pura realtà di tutti i giorni.
E loro esprimono il loro “sentire” in questo modo, ma nulla sembra fine a se
stesso. Tutto è calcolato e soprattutto, sul lato squisitamente tecnico, questa
band se la cava davvero niente male. Nulla di esaltante, ma non sono di certo degli
sprovveduti. Il Grind Core è un genere che, se non è fatto con cognizione di
causa, si trasforma in qualcosa di cacofonico e ridicolo. Questo non è il caso
dei Bodygrinder, capaci anche di fondere più stili, sebbene mantengano salda la
loro propensione alla brutalità.





La cover di “Tutti Pazzi” dei mitici Negazione è più folle dell’originale e ben
rappresenta la band: una fotografia oserei dire perfetta. Questi non ci fanno,
ci sono! Nonostante tutto il disco mostra una band dalle buone potenzialità
tecnico-compositive e sono curioso di vedere cosa sapranno regalarci
prossimamente. 


Da tenere d’occhio.





Recensione a cura di: Kosmos Reversum


Voto: 70/100





Tracklist:

1. Sfondandovi il cranio ai colpi di crick

2. Arabian grind

3. Blues

4. Desperate Vagina

5. Mi fa male la merda

6. Claustrofobia anale

7. Crai - crai, spesa di merda

8. Shit for your asshole

9. Cicisbeo dall'andatura poco cavalcante

10. I want make your pain

11. Autopsia

12. Sbullonatrice di cazzi

13. I burn

14. Marcisco dentro

15. Amore girati che ti amo

16. Tutti pazzi (cover Negazione)

17. Faccio a meno di te

18. Outro

19. Il Treno delle troie



http://myspace.com/bodygrinder

Nessun commento

Powered by Blogger.